< INDIETRO
  • marzo

    4

    2019
Ecobonus 2019: vantaggi, novità e modalità di adesione

Ecobonus 2019: vantaggi, novità e modalità di adesione

L’Ecobonus è stato confermato dalla legge di bilancio 2019 (legge n. 145 del 30 dicembre 2018) e quindi prorogato fino al 31 dicembre 2019. Tale bonus, con una detrazione fiscale che va dal 50% al 65%, interessa tutti gli interventi finalizzati alla riqualificazione energetica degli edifici. Inoltre per determinati lavori, in particolare quelli riguardanti le parti comuni degli edifici, la percentuale detraibile può raggiungere anche l’85%. La detrazione ottenuta, poi, è divisa in 10 rate annuali di uguale importo.

Dunque l’agevolazione si somma ad altre, Bonus condomini 2019 ad esempio, con l’obiettivo di stimolare e supportare i cittadini nel migliorare l’efficienza energetica degli spazi abitativi privati e comuni, in un’ottica sempre più ecosostenibile, con un notevole risparmio economico.

Se per molti questi argomenti possono apparire incomprensibili, è importante capire che ristrutturando si risparmia! Perciò è utile saperne di più anche se si può stare tranquilli che una ditta di ristrutturazione seria è certamente informata e aggiornata in materia di detrazioni, potendo fornire il giusto supporto e indicazioni.

Quali sono i lavori inclusi nell’Ecobonus 2019?

A partire dal 2007, sono stati individuati gli interventi ammessi all’agevolazione fiscale, i quali sono stati ulteriormente ampliati con provvedimenti successivi. Ecco in dettaglio i principali lavori di riqualificazione energetica (così come indicato dall’Agenzia delle Entrate nella Guida sulle agevolazioni fiscali per il risparmio energetico 2019):
Riqualificazione energetica di edifici esistenti finalizzati a conseguire un risparmio del fabbisogno di energia primaria;
Interventi sull’involucro degli edifici;
Installazione di pannelli solari;
Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale;
Acquisto e posa in opera delle schermature solari;
Acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili;
Acquisto, installazione e messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo a distanza   degli   impianti   di   riscaldamento, di produzione di acqua calda, di climatizzazione delle unità abitative;
Acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti;
Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione;
Acquisto e posa in opera di generatori d’aria calda a condensazione.

Per tutti questi interventi, la spesa massima detraibile con l’Ecobonus 2019 è pari a 100.000 euro. Tale somma, nel caso di condomini, deve essere riferita all’intero stabile e non alle singole unità immobiliari di cui è composto.

Come accedere alla detrazione fiscale

La condizione fondamentale per poter usufruire del bonus è che i lavori siano eseguiti su unità immobiliari e/o edifici esistenti. L’esistenza dell’immobile deve essere provata con l’iscrizione al catasto, richiesta di accatastamento ecc. Inoltre è necessario seguire un iter preciso.

Documenti necessari da trasmettere

Tutta la documentazione necessaria per poter usufruire del bonus di riqualificazione energetica deve essere inviata alla Agenzia delle Entrate entro 90 giorni dalla fine dei lavori (data documentabile). Nel dettaglio i documenti sono:
Asseverazione di un tecnico abilitato per dimostrare che l’intervento è stato realizzato nel rispetto dei requisiti richiesti;
Attestato di prestazione energetica (APE);
Scheda informativa degli interventi realizzati;
Documentazione attestante pagamento dei lavori.

In merito a quest’ultimo punto, per accedere all’Ecobonus 2019, è necessario che i contribuenti, non titolari di reddito di impresa, effettuino i pagamenti mediante bonifico (bancario o postale), nel caso contrario è sufficiente altra documentazione idonea. Per avere maggiori dettagli, si raccomanda di consultare il sito dell’Agenzia delle Entrate.


© 2016 - 2018 MARTINO CANTIERI SRL. All Rights Reserved